Teleriscaldamento – Schindler fa un ulteriore passo in direzione di un’utilizzazione dell’energia neutrale sotto il profilo della CO2

03.10.2016

Da nizio settembre Schindler copre il fabbisogno di riscaldamento al Campus di Ebikon esclusivamente tramite teleriscaldamento prodotto dall’incenerimento di ifiuti. A partire dal 2017 anche l’energia elettrica dovrebbe provenire da roduzione neutrale sotto il profilo della CO2.

Contatto

Ascensori Schindler SA
Zugerstrasse 13
6030 Ebikon
Svizzera

Telefono: +41 41 445 31 31 
info_sch.ch@schindler.com

Teleriscaldamento – Schindler
Nella sottostazione per il teleriscaldamento (chiamata anche «scambiatore termico») l’acqua calda viene trasformata in calore utilizzabile per il riscaldamento.

I rifiuti non sono poi tutti da buttare! A partire dal 31 agosto 2016 Schindler impiega il calore residuo dall’incenerimento dei rifiuti per riscaldare gli edifici del Campus di Ebikon e per mettere a disposizione degli oltre 1 800 collaboratori l’acqua calda.

Il calore residuo viene generato da Rinergia, l’impianto per l’incenerimento dei rifiuti di Perlen. Il calore viene utilizzato per riscaldare acqua che, di seguito, viene trasportata a Schindler, attraversando una rete di condotte ben isolate. Una volta a destinazione, il calore viene estratto dall’acqua in una sottostazione per il teleriscaldamento e trasferito alla rete di riscaldamento per essere utilizzato. L'acqua oramai raffreddata ritorna a Renergia e qui viene nuovamente riscaldata.

L’approvvigionamento del calore mediante teleriscaldamento va a sostituire il sistema finora utilizzato nel Campus di Ebikon a metano che sarà smontato nei prossimi mesi. La nuova soluzione che ha un impatto minore sull’ambiente conferma l’impegno di Schindler per quanto concerne la tematica della sostenibilità. Il consumo d’acqua è stato ridotto di oltre l’80% nel Campus di Ebikon negli ultimi anni grazie all’implementazione di diverse misure. Il passo successivo per Schindler è quello di utilizzare a partire dal 2017 nel Campus di Ebikon esclusivamente energia idraulica e quindi solo da risorse sostenibili.

Il Campus di Ebikon sarà quindi a partire dal prossimo anno completamente neutrale sotto il profilo della CO2.