Gli studenti del PF e la nuova frontiera dell'elettromobilità

10.04.2018

Al PF di Zurigo giovani ricercatori sviluppano un'innovativa motocicletta elettrica. Schindler è sponsor del progetto: e con buoni motivi.

Contatto

Ascensori Schindler SA
Zugerstrasse 13
6030 Ebikon
Svizzera

Telefono: +41 41 445 31 31 
info_sch.ch@schindler.com

Si chiama «ethec»: è il progetto del Politecnico federale che vede studenti degli indirizzi Elettrotecnica e Ingegneria meccanica collaborare con due iscritti al corso di Design industriale dell'Alta scuola delle arti di Zurigo. Obiettivo: la realizzazione di un'innovativa motocicletta elettrica. «La nostra moto deve dire qualcosa non solo in senso tecnico ma convincere anche in termini di design» dice Jan Schubert, che cura lo sviluppo di software e tecnologia di controllo. Ma quello che conta veramente sono i dati tecnici: la motocicletta elettrica percorre 250 chilometri senza fermarsi a ricaricare e ha una velocità massima di circa 135 km/h.

Condizione fondamentale per l'elevata autonomia è la capacità di recupero dell'energia in frenata. «Circa il 75% dell'energia frenante si disperde sulla ruota anteriore: invece di lasciare che si trasformi in calore, possiamo convertirla in energia elettrica per ricaricare la batteria» spiega Jan Schubert. Per questo il mezzo monta motori ai mozzi delle ruote. Nel corso del progetto gli studenti hanno sviluppato autonomamente diversi componenti della motocicletta elettrica, come la grande batteria monoblocco collocata sotto la sella. «L'abbiamo realizzata con 1260 celle».

Il prototipo funzionante dovrebbe essere presentato a fine maggio 2018. Ancora non è chiaro se un giorno la motocicletta arriverà alla produzione di serie: in ogni caso i dati raccolti sono preziosi, tanto per la ricerca quanto per l'industria. Sono anni che Schindler guarda con attenzione al recupero dell'energia inerziale per la produzione e l'accumulo di corrente elettrica ai fini di un aumento di efficienza degli ascensori: sponsorizzare un progetto tanto innovativo è stata pertanto una conseguenza assolutamente logica.

ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich
ethec - Reportage ethec, Zürich - Reportage ethec, Zürich
_HPW1250.jpg
_HPW1250.jpg